martedì 29 ottobre 2013

La scuola e i Fiori di Bach

I fiori di Bach possono essere utilizzati anche dai bambini senza controindicazioni. Come dico spesso, i fiori agiscono sulle emozioni e i bambini vivono le loro in modo più diretto e spontaneo di come possiamo fare noi adulti.
Pongono meno resistenze ai fiori e non hanno ancora quelle sovrastrutture mentali che a volte impediscono a noi adulti di ascoltare ed accettare i sentimenti che stiamo vivendo. I bambini no. Se sappiamo ascoltarli, ci raccontano in modo molto diretto le emozioni che vivono.

Scegliere i rimedi può essere addirittura più facile che con un adulto. L'inizio della scuola, ad esempio, per molti bimbi comporta un insieme di emozioni contrastanti tra cui il più comune è la paura: di ciò che non si conosce, del nuovo ambiente, dei compagni, dei maestri e per questo vengono in soccorso Aspen e Mimulus.
Un genitore può anche cogliere le emozioni da come il bambino “reagisce” ai compiti: se si scoraggia facilmente di fronte alle difficoltà può aver bisogno di Gentian; oppure se non si sente abbastanza bravo rispetto ai suoi compagni, Larch può aiutarlo a ritrovare la fiducia in se stesso.

 Ci sono poi anche dei bambini che durante i compiti in classe cancellano a loro risposta e ne mettono una magari anche sbagliata perché i loro vicini di banco hanno scritto quella. In questo caso, Cerato potrebbe essere il loro fiore.
E se facesse sempre gli stessi errori? Provate con Chestnut Bud.  Ha la testa tra le nuvole? Allora Clematis potrebbe aiutarlo. Questi sono solo alcuni esempi di come i nostri figli possono essere aiutati.

Per conoscere i fiori e leggere le descrizioni date da Edward Bach di ciascun rimedio, vi invito ad andare sul sito ufficiale della Bach Foundation.

Nessun commento:

Posta un commento

Dimmi la tua opinione su questo post